lunedì, aprile 26, 2010

CLASSIFICA DEBITO E DEFICIT/PIL PAESI UE-RANKING UE COUNTRIES DEBT AND DEFICIT/GDP

Classifica Paesi UE con maggior debito pubblico/Standings EU countries with greater national debt:
1) Italia/Italy: 115,8%;
2) Grecia/Greece: 115,1%
3) Belgio/Belgium: 96,7%
4) Ungheria/Hungary: 78,3%;
5) Francia/France: 77,6%;
6) Portogallo/Portugal: 76,8%;
7) Germania/Germany: 73,2%;
8) Gran Bretagna/UK 71,4%;
9) Malta: 69,1;
10) Austria 66,5%
12) Irlanda/Ireland 64%;
11) Paesi Bassi/Netherlands: 60,9%;
13) Cipro/Cyprus: 56,2;
14) Spagna/Spain 53,2%;
15) Polonia/Poland: 51%;
16) Finlandia/Finland: 44%;
17) Norvegia/Norway: 42,3;
18) Danimarca: 41,6%;
19) Lettonia/Denmark: 36,1%
20) Slovenia/Latvia: 35,9%;
21) Slovacchia/Slovakia: 35,7%;
22) Rep. Ceca/Czech Republic: 35,4%;
23) Lituania/Lithuania: 29,3%
24) Romania: 23,7%;
25) Bulgaria: 14,8%;
26) Estonia: 7,2%;

Classifica Paesi UE con maggior deficit/pil-Standigs UE Country with more deficit/GDP :
1) Irlanda/Ireland: 14,3%;
2) Grecia/ Greece: 13,6%
3) Gran Bretagna/UK: 11,3%
4) Spagna/Spain: 11,2%;
5) Portogallo/Portugal: 9,4%;
6) Lettonia/Latvia: 9%;
7) Lituania/Lithuania: 8,9%;
8) Romania: 8,3%;
9) Slovacchia/Slovakia: 7,8%;
10) Francia/France: 7,5%;
11) Polonia/Poland 7,1%;
12) Cipro/Cyprus: 6,1%;
13) Belgio/Belgium: 6%;
14) Rep.Ceca/Czech Republic: 5,9%;
15) Slovenia: 5,5%;
16) Italia/Italy: 5,3%;
16) Paesi Bassi/Netherlands: 5,3%;
18) Ungheria/Hungary: 4%;
19) Bulgaria: 3,9%;
20) Malta: 3,8;
21) Austria: 3,4%;
22) Germania/Germany: 3,3%;
23) Danimarca/Denmark: 2,7%;
24) Finlandia/Finland: 2,2%;
25) Estonia: 1,7%;
26) Norvegia/Norway: 0,5%.

Come si può notare molti Paesi non se la passano bene. Sta benino la Germania e Stanno bene Danimarca, Finlandia, Estonia e soprattutto Norvegia. Many countries are not good. The best countries are Germany, Denmark, Estonia and expecially Norway.

14 commenti:

ugo ha detto...

ci vorrebbe il petrolio della norvegia........

allora, siamo dunque al top per indice dax???????

PETRSALVATORE ha detto...

chi vivrà vedrà!

ugo ha detto...

penso che arriveremo al top dopo il 9 maggio, per ovvi motivi, naturalmente se regge america....

poi penso che sia giusto mettersi short...su dax

poi se vivremo...vedremo

Alessandro ha detto...

Anch'io ho una domandina 'off topic':
L'indice azionario Shanghai Composite (SSE Composite Index) si muove da Agosto 2009 in formazione ribassista. Visto che tale indice ha anticipato la ripresa in corso iniziando a muoversi al rialzo fin da Novembre 2008, ciò non potrebbe indicare una tendenza anticipatrice per tutti gli altri indici azionari mondiali?
Grazie a chi vorrà rispondermi.
Saluti a tutti :-)
Ale

Alessandro ha detto...

http://www.calculatedriskblog.com/

Giuro che quando ho postato il messaggio non sapevo che Calculated Risk aveva dedicato un post a questo argomento!

Graziano ha detto...

Secondo me si "tira" fino ai dividendi

PETRSALVATORE ha detto...

Bene! Ottimi pareri, ma mi sembra che siamo tutti d'accordo, mi piacerebbe sentire qualcuno di tesi opposta e che argomenti porta al suo sostegno.

frasci ha detto...

ciao a tutti io da 3 giorni sono short e meno male che oggi e arrivata sta legnata da -5
secondo me non risale piu
troppi problemi in giro
salvatore cosa ne pensi
ciao a tutti

PETRSALVATORE ha detto...

dovrebbe essere coì, ma in questi mesi stanno cercando di tenersi a galla.

Alessandro ha detto...

La tesi contraria potrebbe essere questa, anche se detto da me che da tempo penso l'opposto non vale: come dice Greenspan, il rialzo delle borse non ha seguito e nemmeno anticipato la ripresa, l’ha trainata.
Le autorità degli Stati Uniti, Obama in testa, hanno fatto e faranno del tutto per non far "sgonfiare" il mercato perché in tal caso tutto il castello di "carte" (nel vero senso della parola!) da loro creato crollerebbe.

PETRSALVATORE ha detto...

Non crollerà un bel niente e proprio questo che non si vuole capire, si sposterà solo il centro del potere. Questo mondo per ora rimane così, solo quando la Cina non sarà in grado di aumentare l'occupazione, potrebbe cambiare il mondo.

Alessandro ha detto...

Scusa Salvatore, non ho capito... ehm!

PETRSALVATORE ha detto...

Ci sembrava chiaro! Per ora il capitalismo rimarrà, si sposterà il potere in Cina, se non si è già spostato. I comunisti cinese se così si potevano chiamare, hanno imparato meglio a fare i capitalisti degli europei e soprattutto degli statunitensi. Se non commetteranno gli stessi errori, potranno godersela ancora a lungo.

Anonimo ha detto...

la Norvegia NON E' un paese UE